Pensioni di reversibilità, tutte le novità

Chi ha redditi propri ha diritto a una pensione di reversibilità decurtata. Anzi, no: l’anno scorso una sentenza della Corte Costituzionale ha costretto il sistema pensionistico a una mini-riforma. Oggi, con notevole ritardo, l’Inps provvedere a porre rimedio.

Fino a non molto tempo fa, la normativa pensionistica imponeva una sforbiciata alla pensione di reversibilità di chi continuasse a incassare redditi propri. Secondo la ratio della legge, la pensione di reversibilità veniva progressivamente ridotta al crescere del proprio reddito.

L’Inps procederà dunque a rimborsare chi abbia ricevuto una pensione di reversibilità a importi ridotti negli ultimi 5 anni.

L’Istituto previdenziale invierà agli aventi diritto un conguaglio con i mancati importi per gli anni dal 2019 al 2023. Dal 2024, invece, i conti verranno fatti secondo i criteri indicati dai supremi giudici.

Continua

Come richiedere l’assegno di inclusione

Come si legge sul portale dell’Inps, l’Assegno di inclusione è una misura di sostegno economico e di inclusione sociale e professionale condizionata al possesso di alcuni requisiti. L’Adi è riconosciuto ai nuclei familiari con un Isee non superiore a 9.360 euro e che abbiano almeno un componente in una delle seguenti condizioni: disabilità; minorenne; con almeno 60 anni di età; in condizione di svantaggio e inserito in programma di cura e assistenza dei servizi sociosanitari territoriali certificato dalla pubblica amministrazione.

Il beneficio economico dell’Assegno di inclusione è erogato a integrazione del reddito familiare. Il bonus è composto da due quote. la prima serve a integrare il reddito fino alla soglia di 6.000 euro, che vengono aumentati fino a 7.560 euro annui se il nucleo è interamente composto da persone over 67, oppure da almeno un componente over 67 più altri familiari tutti in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza la cui condizione viene verificata sulla base delle informazioni Isee dagli archivi dell’Inps e da altre dichiarazioni a corredo della domanda.

Continua

Acquisto auto, in arrivo i nuovi incentivi

Entro febbraio, è atteso il via libera e l’effettiva attuazione del decreto riguardante i recenti incentivi per l’acquisto di veicoli. Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy suggerisce di stanziare complessivamente 930 milioni di euro per gli incentivi, che potrebbero raggiungere fino a 13.750 euro per ogni individuo, con l’obiettivo di rinnovare il parco auto italiano, tra i più anziani in Europa in termini di anni accumulati.

Il funzionamento del nuovo ecobonus sarà caratterizzato da diverse componenti. Innanzitutto, è confermato che saranno previsti importi maggiorati per coloro che rientrano in fasce di reddito medio-basso, con un bonus aggiuntivo del 25% per coloro con un Isee inferiore ai 30mila euro. Inoltre, si sta valutando l’opzione di incentivare specificamente l’acquisto di veicoli italiani.

D’altra parte, gli incentivi varieranno in base alla classe dell’auto che viene rottamata, con l’esclusione di quelle considerate più inquinanti. Ciò significa che il contributo finanziario potrebbe aumentare o diminuire a seconda del tipo di veicolo sostituito, incoraggiando in tal modo il passaggio a modelli più ecologici e sostenibili.

All’interno del provvedimento, è prevista l’implementazione del raddoppio del contributo per i taxi che hanno ottenuto successo nel concorso straordinario per l’ottenimento, a titolo oneroso, di nuove licenze, così come per i soggetti autorizzati a esercitare il servizio di noleggio con conducente. Tale aumento del bonus sarà esteso anche ai precedenti detentori di licenze taxi o agli operatori autorizzati per il servizio NCC che opteranno per la sostituzione del proprio veicolo di servizio, in ottemperanza a quanto stabilito dal Decreto Legislativo Asset.

Continua

Consumatori, Polliotto (Unc): “Ecco il decalogo per saldi sicuri”

La Presidente del Comitato Regionale del Piemonte mette in guardia dai possibili rischi connessi all’apertura delle vendite straordinarie.

Come ogni anno tornano i saldi. “Come Unc Piemonte offriamo consuetudinalmente un vademecum corretto e sempre aggiornato per garantire l’aggiudicazione delle offerte migliori presenti sul mercato in tutta sicurezza”. Lo rende noto Patrizia Polliotto, Avvocato, Fondatore e Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 la prima, più antica e autorevole associazione consumeristica italiana.

Prodotti difettosi: non valgono più i 2 mesi. Conservate sempre lo scontrino (anche se non è obbligatorio averlo per esercitare la garanzia, basta la prova dell’acquisto). Non è vero che i capi in saldo non si possono cambiare. Valgono le regole di sempre. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso. Dal 1° gennaio 2022, grazie all’entrata in vigore del D. Lgs. 170/2021, in attuazione della Direttiva UE 2019/771, non è più necessario denunciare il difetto al venditore entro 2 mesi dalla sua scoperta (erano 2 mesi, non 7 o 8 giorni), anche se prima lo fate meglio è. L’azione per far valere i propri diritti, comunque, si prescrive in 26 mesi dalla consegna del bene. In caso di difetto di conformità del bene, avete diritto alla sua riparazione o alla sostituzione del bene.

Continua

In Piemonte è pioggia di pignoramenti «I nostri sportelli sono presi d’assalto»

Anno nuovo, pignoramenti vecchi. I piemontesi non hanno fatto in tempo a stappare lo champagne che subito arriva una grana. A rivelarlo è l’Unc, Unione nazionale consumatori. «Con l’inizio del 2024 si sta assistendo a una pioggia di cartelle esattoriali con pignoramenti a raffica presso terzi e sui conti correnti», dichiara l’avvocato Patrizia Polliotto, presidente del Comitato regionale del Piemonte dell’Unione nazionale consumatori, la più antica associazione consumeristica italiana. «Con la ripresa delle attività a fine festività, nelle prime due settimane del 2024 i nostri sportelli sono stati letteralmente presi d’assalto da cittadini e titolari di piccole e medie imprese alle prese con problemi con il Fisco», dichiara il legale torinese. «Il fenomeno pare essersi acuito – prosegue l’analisi dell’avvocato Polliotto – dalla scadenza dell’ultima rata 2023 della rottamazione, fissata al 18 dicembre scorso, in coincidenza con il saldo Imu e altri tributi che rendono impossibile stare al passo con l’erario». In pratica una situazione insostenibile, che in una fase segnata da perdita di potere d’acquisto, inflazione e caro-vita «rischia di mettere faccia a terra decine di migliaia di piemontesi». Patrizia Polliotto, infine, mette in evidenza «un aspetto ancora più grave: il fatto che gli avvisi di riscossione coatta sono stati notificati anche a chi ha in corso azioni legali con l’Agenzia delle Entrate, a chi ha fatto istanza di sospensione e a quanti, in corso di giudizio, hanno persino ottenuto in primo grado pronunce favorevoli nei confronti dell’Ente»

Mercato libero energia Ecco ora cosa cambia nelle bollette di Torino

Il passaggio dal mercato tutelato a quello libero per le bollette del gas è avvenuto il 10 gennaio tra dubbi e paure da parte dei cittadini italiani
e torinesi. Slitta al primo luglio invece il medesimo passaggio inerente le bollette della luce. Per cercare di fare un po’ di chiarezza, la società Iren, partecipata per il
18% dal Comune di Torino, è stata convocata a Palazzo Civico e durante la commissione è emerso che i torinesi a regime tutelato Iren sono
circa 100mila: circa la metà dei quali sono soggetti “vul – nerabili” e potranno quindi mantenere il loro operatore (mercato tutelato). In questa
categoria rientrano gli over 75, i beneficiari di bonus sociale, i tutelati dalla Legge 104 e chi è colpito da disagio fisico. Per gli altri 50mila
torinesi invece è d’obbligo il passaggio al mercato libero.
Continua

Arriva il mercato libero dell’energia: «Ma le bollette saranno esplosive»

Il passaggio al mercato libero dell’energia è vantaggioso per le aziende ma ci sono dubbi sul costo delle bollette per i consumatori che, secondo le stime fatte dalle associazioni dei consumatori aumenteranno vertiginosamente. Per l’avvocato Patrizia Polliotto, presidente del Comitato regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori (Unc): «Nel primo semestre del 2024 i torinesi sborseranno circa 700 euro in più a famiglia per pagare le utenze di luce e gas».

Scetticismo anche sul passaggio dal mercato tutelato a quello libero: «La cosa primaria nonché più importante da fare in questo momento è che i consumatori verifichino con attenzione la bontà delle offerte presenti sul mercato libero, stante la rivoluzione in atto. Ma ancor prima consiglio loro di controllare preliminarmente se rientrano nelle cosiddette categorie protette, ovvero in quei casi previsti dalle normative che per reddito, per età, per particolari fragilità possono godere di tariffe agevolate. Grande attenzione alle tariffe, dunque, e alla serietà delle aziende che offrono questi servizi essenziali».

Continua

CONSUMATORI, POLLIOTTO (UNC): “DAL 29 NOVEMBRE IN VIGORE NUOVO DECRETO ENERGIA”

Le parole della Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori.

Energia, da oggi attive importanti novità per gli italiani. Lo rende noto l’avvocato Patrizia Polliotto, Fondatore e Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 a oggi la prima, più antica e autorevole associazione consumeristica italiana fondata nel Dopoguerra dal giornalista Vincenzo Dona.
“Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 278 del 28 novembre 2023 la legge 27 novembre 2023, n. 169, di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 29 settembre 2023, n. 131, recante misure urgenti in materia di energia, interventi per sostenere il potere di acquisto e a tutela del risparmio (c.d. Decreto energia)”, spiega il noto legale torinese.
Le nuove norme entreranno in vigore a partire dal 29 novembre 2023. Unitamente è stato pubblicato il testo del decreto coordinato con la legge di conversione.

Continua

Consumatori, Polliotto (Unc): ‘Attenti alla truffa del bonifico errato’

La Presidente del Comitato Regionale del Piemonte invita all’attenzione e alla prudenza su un nuovo tipo di raggiro sempre più diffuso.

In aumento il numero di segnalazioni da parte di coloro che denunciano di aver prima ricevuto un accredito sul proprio conto corrente per poi scoprire di essere rimasti vittime di una truffa.

Lo rivela l’Avvocato Patrizia Polliotto, Fondatore e Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 la prima, più antica e autorevole associazione consumeristica italiana.

Continua

Consumatori, Polliotto (Unc): “Bollo auto 2023 in Piemonte, ecco le novità”

Il bollo auto è uno fra i balzelli più invisi agli automobilisti. Certamente, fra le imposte meno rispettate, vuoi per impossibilità a onorarla nei momenti di crisi strutturale quale quello attuale, vuoi anche per dimenticanza o trascuratezza.

Tuttavia, per i Piemontesi, sono in arrivo importanti novità sul fronte che è bene conoscere per tempo e tenere a mente. Lo rende noto l’Avvocato Patrizia Polliotto, Fondatore e Presidente del Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 a oggi la prima, più antica e autorevole associazione consumeristica italiana.

Onde evitare di fare confusione, bensì di essere consapevolmente informati sulle recenti modifiche legislative, come spiega il noto legale torinese, “Il termine di prescrizione per l’accertamento e il rimborso della tassa automobilistica è fissato al 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui il versamento è stato o doveva essere eseguito o la violazione è stata commessa: e ciò in osservanza di quanto previsto e disciplinato dall’art. 3 della legge regionale n. 5/2023, altresì nota come Legge di stabilità regionale 2023”.

Continua