Carrelli della spesa sempre più vuoti E i prezzi salgono

Carrelli della spesa sempre più vuoti per i piemontesi. Lo rivela un’analisi condotta dall’avvoca – to Patrizia Polliotto, presidente del comitato regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori
(Unc): «L’inflazione ha ridotto i bilanci delle famiglie che pur spendendo circa in media il 3% in più in valore, si portano a casa quasi il 4% in meno in termini di volumi di beni acquistati».Lo scenario «peggiora
ulteriormente, se si fanno i conti sul piano del consumo di alimenti e bevande di prima necessità: con gli scontrini in crescita di quasi il 6% nella spesa rispetto al 2023, le famiglie hanno portato a tavola il 3,9% di
cibo e bevande in meno rispetto all’anno scorso», osserva il legale.Alle preoccupazioni di Unc Piemonte si aggiungono quelle di Luca Pantanella, presidente dell’Osservatorio Economico Fmpi: «Assistiamo a un
imponente fenomeno di desertificazione commerciale al dettaglio, fatto che rende i quartieri meno serviti, poco presidiati e pertanto più insicuri»